Il giovedì di pordenonelegge 2021

Con un centinaio di protagonisti nell’arco di dodici ore, entra nel vivo domani, giovedì 16 settembre, la 22^ edizione di pordenonelegge, Festa del Libro con gli Autori.

Domani al festival un’attesa anteprima internazionale, quella dell’autrice egiziana Nadia Wassef, che firma “La libraia del Cairo” (Garzanti), un memoir ambientato in Egitto: la storia dei libri che servono a far circolare le idee e della libreria indipendente “Diwan” nata nel 2002 e subito diventata polo di aggregazione sociale, ma anche specchio degli accadimenti del Paese negli ultimi 20 anni. Nadia Wassef, che adesso vive a Londra, sarà intervistata dalla giornalista Marianna Maiorino (ore 21.30 Capitol e in direta streaming su pnlegge TV). E domani al festival  approda in anteprima un’altra storia forte di donna, quella della rom Marianna A., venduta dal padre, costretta al matrimonio, risorta infine da esperienze durissime di poverta’ e violenza. “Spirito libero e sangue caldo. Autobiografia di una donna rom” sarà presentato a pordenonelegge, a cura di Luigi Nacci per Ediciclo. L’incredibile storia di una rom dalle mille vite, una creatura fragile e coriacea che non si è mai arresa (ore 20.30 Auditorium Istituto Vendramini).

 

Numerose le novità italiane in programma domani. Agli anni dei suoi esordi professionali come infermiere ripensa l’artista Giacomo Poretti, componente del notissimo Trio Aldo Giovanni e Giacomo, per presentare “Turno di notte. Storia tragicomica di un infermiere che avrebbe voluto fare altro” (Mondadori). Conversando con i cabarettisti Andrea Appi e Ramiro Besa – al secolo ‘I Papu’ - sfoglierà per il pubbllico un romanzo fatto di mille personaggi meravigliosi – suore, infermieri, pazienti, dottori – nel quale confluiscono le esperienze dei suoi trascorsi in corsia …(Spazio San Giorgio alle ore 21 e in differita venerdì 17 settembre alle ore 10 su pnlegge TV).

Alla narrativa, in una avvincente chiave noir, torna lo scrittore Tullio Avoledo, che a pordenonelegge presemta il nuovo “Come navi nella notte” (Marsilio). Un’indagine che si dipana tra una Trieste oscura e una spiaggia friulana. Con l’autore dialogano la scrittrice Antonella Sbueltz e il giornalista Lorenzo Marchiori (ore 21 Spazio Gabelli).  Ancora a una storia vera, un episodio di cronaca della Palermo di Lima e Ciancimino, è dedicato il libro di Mariaelena Porzio, “Ciaculli, Cronaca di una strage” (Gaspari): per riportarci nel tragico momento della deflagrazione voluta da Cosa Nostra, che uccise sette uomini nella borgata agricola di Ciaculli (ore 16 Auditorium Istituto Vendramini). Marco Anzovino firma la storia di due adolescenti e con “Alla fine dei baci” (Biblioteca dell’Immagine) ci offre un romanzo che racconta l'irrefrenabile vitalità e l'immensa fragilità di questa età della vita, che precede il passaggio al mondo adulto. Insieme ad Antonio Bacci, ore 21.30 Spazio Ellero e in differita su pnleggeTV venerdì 24 settembre alle ore 20. Fondendo realtà, mito e fiaba orientale con raffinatissima grazia poetica, Kader Abdolah, in dialogo con Antonella Silvestrini, rievoca l’antica Persia e i mutamenti che l’hanno travolta in un romanzo di formazione che è in realtà un viaggio interiore alla ricerca di sé (ore 15.30 Capitol e in differita su pnlegge TV alle ore 17). E lo scrittore e medico Yigal Leykin presenta “Il concerto” (Besa Muci), ambientato nel nascente Israele del 1962, racconta la storia del “Professore”, un misterioso direttore d’orchestra nel campo che raccoglie ebrei provenienti da tutto il mondo. L’autore lo sfoglierà insieme a Mariaelena Porzio e Monia Merli (ore 16 Auditorium Istituto Vendramini).

Domani il secondo appuntamento che pordenonelegge dedica alle celebrazioni per il centenario dalla nascita di Andrea Zanzotto: la presentazione in anteprima della monografia di Andrea Cortellessa, “Zanzotto. Il canto nella terra” (Laterza). Al festival, l’autore, in dialogo con Stefano Del Bianco, indagherà una poesia densissima di ‘significati’, dopo ripetuti corsi universitari da lui dedicati a Zanzotto per offrire una lettura che si rivolga anche a un pubblico più vasto di quello specialistico. Spicca la precoce attenzione di Zanzotto ai temi dell’ambiente e del paesaggio, elemento che ne fa un profeta di quelle che oggi vengono definite Ecopoetry ed Environmental Humanities (ore 11 Auditorium della Regione).

Torna a pordenonelegge lo psicanalista Massimo Recalcati con due incontri: domani alle 20.30 al Teatro Verdi, nell’ambito del percorso “Parole in scena”, farà tappa in veste di autore del suo primo testo teatrale, “Amen”: una serata che sarà scandita da letture dell’attrice Federica Fracassi. Nel pomeriggio Massimo Recalcati indagherà il grido di Giobbe, che accade quando le parole sono costrette al silenzio, spezzate dal trauma del male (Spazio San Giorgio alle ore 18 in diretta streaming su pnleggeTV).

Dalla collaborazione fra pordenonelegge e Paff!, nascono una serie di incontri intorno al mondo del fumetto. Zerocalcare partendo da Kobane Calling, approfondirà il discorso sul racconto della realtà e dell'informazione a fumetti, con Maria Edgarda Marcucci e Sara Pavan (PalaPAFF! alle ore 21.30 e in differita su pnlegge TV venerdì 24 settembre alle ore 18).

Pordenonelegge entra nel vivo del nostro tempo domani con un dialogo di primo piano in tema di ripresa economica: come ripensare e riconfigurare il sistema globale in questo tempo che resta gravato dalla minaccia pandemica e alla luce di una crisi mondiale ? Dialogheranno intorno a questo tema l’economista Giulio Sapelli e il Presidente di Connfindustria Alto Adriatico e presidente di Fondazione Pordenonelegge Michelangelo Agrusti (ore 16 Spazio Ellero e in differita mercoledì 22 settembre alle ore 18 su pnlegge TV).

La nostra società non è una macchina da riparare, ma un organismo che ha bisogno di rigenerarsi, questo il tema dell’incontro con Mauro Magatti, in dialogo con Stefano Bortolus, con la consapevolezza che per lasciare alle spalle la pandemia occorre costruire un ponte che ci permetta di arrivare su un’altra riva (ore 18.30 Spazio Ellero e in differita giovedì 23 settembre alle ore 18 su pnleggeTV).

La scrittrice Lidia Ravera illuminerà ancora una volta un ritratto di donna alle prese con il tormento della maturità, che può trasformarsi in un nuovo, tardivo inizio. Insieme a Anna Vallerugo, alle ore 18.30 al Capitol e in differita alle ore 20 su pnleggeTV. E lo scrittore e ‘prof.’ Andrea Maggi, in dialogo con la giornalista Paola Delle Molle, racconterà una storia sulla bellezza e sulla fragilità dei ragazzi, alla continua ricerca di muri da abbattere ma anche di esempi da seguire. Al PalaPAFF! alle ore 16.30 e in differita mercoledì 22 settembre alle ore 20 su pnleggeTV. Mentre Dante sarà al centro della lectio magistralis di Andrea Moro dedicata al De vulgari eloquentia e all’inganno delle lingue geniali (ore 18.30 nell’Auditorium dell’Istituto Vendramini).

E domani alle 10.30 si inaugura Dante sound, l’installazione immersiva per scoprire il “suono” della Divina Commedia. Un progetto scritto e diretto da Andrea Ortis: una installazione multimediale che permette una full immersion virtuale in 3D all’interno degli antichi codici danteschi manoscritti e miniati. L'incontro si ripeterà in più turni (12.00; 14.30; 16.00; 17.30). Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.

 

Giovanni Bietti, in dialogo con Roberto Calabretto, alle ore 21 Rodotto del Teatro Verdi, ci spiegherà la musica della luce: come nel Flauto magico, nella Creazione, nel Fidelio, nella Quinta e nella Nona Sinfonia si esprimono i valori illuministi per eccellenza: la libertà, la fratellanza, l'uguaglianza.

Ai 40 anni del rally di Piancavallo, la corsa più amata dai pordenonesi, è dedicato l’incontro con Federica Masolin, Carlo Cavicchi e Maria Leitner (ore 19 al PalaPAFF! e in differita giovedì 23 settembre alle ore 20 su pnlegge TV).

Il ricordo dei grandi poeti è affidato sempre più spesso al cinema, per ritrovare la loro voce e quella di chi li ha conosciuti, nei luoghi da loro vissuti ed evocati: domani alle ore 17.30 a Cinemazero, il documentario “La macchia d'inchiostro” su Roberto Roversi, opera prima di Ciro Valerio Gatto con le testimonianze di Stefano Benni, Alessandro Bergonzoni, Gaetano Curreri, Antonio Bagnoli.  Al ricordo di un altro grande poeta, Pierluigi Cappello, è dedicato il Premio che porta il suo nome e che sarà celebrato, domani giovedì 16 settembre alle ore 18 Spazio Gabelli, alla presenza dei vincitori, Con Nino De Vita, Sabrina Giarratana e Aldo Colonnello, Fabio Franzin, Roberto Malattia, Maurizio Salvador, Christian Sinicco. Presentano Valentina Gasparet e Giacomo Vit. L’evento sarà integrato, in collaborazione con Taobuk Festival, da un focus sulla poesia siciliana di due generazioni che vedrà protagonisti Giuseppe Condorelli, Paolo Lisi, Erica Donzella e Pietro Russo.

Nuovi libri in italiano da Antonella Bukovaz, Giuseppe Nava e Flavio Santi in dialogo con Roberto Cescon (ore 21.30 Auditorium della Regione).

Si infittisce domani il cartellone dedicato a docenti e giovani studenti e lettori: al via con l’incontro con Pino Roveredo e Antonio Ferrara, sulle gabbie dentro e fuori di noi e sulle difficoltà che la vita può presentare anche nell’infanzia. In dialogo con Alessandro Venier, alle ore 9.15 Spazio Gabelli. Giulio Guidorizzi e Silvia Romani ci porteranno a fare un viaggio nel mare degli dei dell’antichità classica, per una guida mitologica alle isole della Grecia (ore 10 Spazio Ellero e in differita alle ore 12 su pnlegge TV).

Grande spazio poi all’illustrazione e all’arte per i ragazzi, a cominciare dall’incontro, promosso dal PAFF!, con Ugo Furlan e Stella Nosella, in dialogo con Chiara Pavan, che ci accompagneranno nel mondo dei draghi, per imparare che la magia si nasconde dove meno l’aspettiamo (ore 10 Auditorium PAFF!).

Cultura classica anche per Alberto Camerotto, Valeria Melis e Piervincenzo Di Terlizzi che animeranno una discussione sulle vie della satira tra i classici antichi e il tempo presente (ore 10.30 Ridotto del Teatro Verdi). Guido Tonelli ci condurrà invece lungo la tortuosa via d’accesso alla comprensione di mondi dominati da effetti relativistici, dove esiste un futuro che arriva prima del passato e anzi lo crea (PalaPAFF! alle ore 10.30 e in differita su pnlegge TV alle ore 19). Andrea Ortis proporrà invece Dante Sound, una installazione che permette una full immersion virtuale all’interno degli antichi codici danteschi. Dalle ore 10.30 Auditorium Casa dello Studente Antonio Zanussi. L'incontro si ripeterà in più turni (12.00; 14.30; 16.00; 17.30). E ancora Dante, questa volta nel racconto della sua amicizia speciale con Giotto, tra storia e romanzo, sarà protagonista anche del dialogo tra Pierdomenico Baccalario e Davide Morosinotto. (Spazio Gabelli alle ore 11.30). La cultura greca sarà invece al centro del dialogo fra Eva Cantarella e Nicola Gardini: cosa ci ha lasciato, come ci ha cambiato, e perché ancora oggi è così importante. Presenta Gian Mario Villalta, l’incontro alle ore 11 Spazio San Giorgio e in diretta streaming su pnleggeTV. Al Capitol alle ore 11 e in differita martedì 21 settembre alle ore 20 su pnlegge TV, l’incontro con Jacopo Veneziani che ci parlerà di simmetrie e cioè come osservare l'arte di ieri con lo sguardo di oggi.