"Parole in scena" a pnlegge 2018

Parole in scena, a pordenonelegge ancora una volta la letteratura si intreccia alla voce viva degli artisti con l’emozione e il calore del palcoscenico.

LE GRANDI SERATE  DI PAROLE IN SCENA

Innanzitutto alla 19^ edizione della Festa del Libro con gli Autori ecco le grandi serate di Parole in scena: a partire da mercoledì 19 settembre (Teatro Verdi, ore 21) quando i riflettori si alzeranno su uno dei più celebri pianisti contemporanei, Giovanni Allevi, autore de Il coraggio della lucertola: un racconto autobiografico, una favola moderna dedicata ai ragazzi che crescono in un mondo squilibrato, ma preziosa anche per tutti gli adulti che, di tanto in tanto, si sentono vacillare e hanno paura di cadere. Giovedì 20 settembre, alle 20.45 al Teatro Verdi sarà Maria Paiato, una delle interpreti più intense della scena italiana, a inaugurare il percorso di Letteratura e Teatro promosso dal Comunale di Pordenone conUna e una notte”, trasposizione per il palcoscenico delle pagine di due racconti scritti nel ’59 da Ennio Flaiano, maestro della satira e maestro nel saper cogliere gli aspetti più paradossali della realtà che ci circonda. Venerdì 21 settembre, alle 21.30 al Capitol, ecco la “Ballata senza nome” di Massimo Bubola: un evento scenico, tratto dal libro del cantautore che ha vinto il Premio nazionale di cultura Benedetto Croce, che ci riporta all’ottobre 1921, nella basilica di Aquileia. Gli occhi di tutti sono rivolti alle undici bare al centro della navata, e alla donna che le fronteggia: Maria Bergamas. Dovrà scegliere, fra gli undici feretri, quello che verrà tumulato a Roma, nel monumento al Milite Ignoto. E sempre in anteprima assoluta per pordenonelegge venerdì sera (ore 21, Ridotto del Teatro Verdi) si racconterà – e si vedrà – la nuova stagione di “Poldark” grazie alla collaborazione de La Effe che metterà in onda la terza stagione della serie in autunno. Tratta dai romanzi di Winston Graham Poldark sarà al centro del dialogo fra Masolino D’Amico, anglista, traduttore e scrittore, e la giornalista Margherita Corsi, esperta di serie TV per VanityFair. Sabato 22 settembre un doppio evento: alle 21 al Capitol ecco Paolo Hendel che, in dialogo con il coautore Marco Vicari, sfoglia insieme al pubblico le pagine di “La giovinezza è sopravvalutata (Manifesto per una vecchiaia felice)”, il libro che alterna ricordi, note di saggezza e consigli pratici, spaziando da Leopardi alle badanti, dai supernonni alle bufale in rete, dalle carceri al sesso. Tra lacrime e risate, un volumetto sul senso della vita. E alle 22, nello Spazio Ascotrade si rinnova uno degli appuntamenti più attesi di pordenonelegge, “Carnediromanzo”, il rave letterario come sempre pensato e portato in scena da Massimo Cirri e Natalino Balasso: l’happening che inventa un romanzo sotto gli occhi, e le orecchie, increduli dei presenti.



LE ANTEPRIME DI PAROLE IN SCENA

Pordenonelegge è il festival delle anteprime editoriali e anche Parole in scena ne proporrà parecchie: a cominciare da Tiziano Scarpa, che attraverso la lettura scenica “Senti, ti dico una cosa che preferirei non dire” (sabato 22 settembre, ore 19 Ridotto del Teatro Verdi) presenterà in anteprima le storie in rima del suo ultimo libro, “Una libellula di città” (Minimum fax), alternate a estratti da Le nuvole e i soldi: le poesie di Tiziano Scarpa hanno suscitato forti discussioni in rete, sono rimbalzate sui social toccando l’animo dei lettori, al di là della cerchia di appassionati di poesia.

Musica protagonista per tre anteprime editoriali: Edizioni ETS ne firma due, presentate in collaborazione con il Teatro Verdi e in dialogo con il suo consulente musicale e pianista Maurizio Baglini: la prima è del critico e musicologo Roberto Calabretto che riprende l’Histoire du Soldat di Pier Paolo Pasolini, un progetto destinato a diventare un film se non fosse sopraggiunta la morte del poeta (sabato 22 settembre). La seconda è firmata dal pianista Emanuele Arciuli che si soffermerà sul pianoforte di Leonard Bernstein (venerdì 21 settembre). Edito invece EUT TS il volume a cura della pianista Letizia Michielon, realizzato dal Conservatorio Tartini di Trieste: “Die klage des ideellen. Il lamento dell’ideale. Beethoven e la filosofia hegeliana” include gli atti del convegno che ha messo a confronto due grandi artisti coevi, Beethoven ed Hegel (venerdì 21 settembre).  Sempre sul fronte musicale gli interventi di Giovanni Bietti, che in dialogo con Maurizio Baglini proporrà giovedì 20 settembre una breve storia del dialogo tra culture in musica; di Carlo Boccadoro che racconterà dodici storie di dischi irripetibili e infine di Claudia Endrigo che porterà un intenso ricordo del suo celebre padre, il cantautore Sergio Endrigo (giovedì 20 settembre).

CINEMA E LETTERATURA

Come sempre un percorso corposo è dedicato ai rapporti fra cinema e letteratura, a cura di Elisabetta Pieretto, in collaborazione con Cinemazero. In un incontro che domenica 23 settembre vedrà protagonista anche l’attore Lino Guanciale (ore 17.30, Capitol), lo scrittore Paolo Di Paolo, intervistato da Enrico Magrelli, racconterà quale sia stato il percorso creativo che lo ha portato a scrivere una riduzione teatrale de La classe operaia va in paradiso, il film rivoluzionario di Elio Petri. Lo spettacolo che ne è nato impegna Lino Guanciale nei panni di Lulù Massa e a pordenonelegge l’attore intercalerà i dialoghi dell’incontro con le sue letture. Attesissimo il dialogo nel segno dell’adolescenza con due giovani artiste: la youtuber e scrittrice Sofia Viscardi e la filmmaker Francesca Mazzoleni, che ha esordito giovanissima alla regia cinematografica con la trasposizione del primo libro di Sofia: giovedì 20 settembre, alle 11.30 nello Spazio Ascotrade si parlerà appunto del film “Succede”, che dopo essere stato un caso editoriale della portavoce della Generazione Z Sofia Viscardi è diventato un film diretto da Francesca Mazzoleni. Alle origini di Quarto Potere, il capolavoro di Orson Welles , ci guiderà il dialogo fra Paolo Mereghetti e Massimiliano Studer e; durante l'incontro, venerdì 21 settembre (ore 21, Palazzo Montereale Mantica) verranno proiettati alcuni frammenti del prezioso inedito di Welles, ritrovato da Cinemazero nei magazzini dell'Aula Magna.  Non mancheranno, venerdì 21 settembre alle 10 nell’Aula Magna di Cinemazero, le consuete premiazioni di Scrivere di Cinema Premio Alberto Farassino, il concorso nazionale di critica cinematografica per i giovani promosso da Fondazione  Pordenonelegge.itCinemazero, dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani e da MYmovies. I vincitori saranno scelti dalla giuria composta da Enrico MagrelliGiorgio ViaroAdriano De GrandisViola Farassino. Special guest sarà l’attrice Lucia Mascino, recentemente protagonista di Fraulein, esordio di Caterina Carone, al fianco di Cristian De Sica e di Amori che non sanno stare al mondo, il nuovo film di Francesca Comencini ora in lavorazione. Ancora per Parole in Scena per l’incontro con Argia Laurini Carrara, Eleonora Fuser e Claudia Contin Arlecchino: tre artiste impegnate insieme domenica 23 settembre (ore 19, Convento di San Francesco) per metterà a confronto tre generazioni di donne che hanno interpretato ruoli maschili nella Commedia dell'Arte Contemporanea.

E anche quest’anno spazio ai giovani autori con il Fight Reading: come sbudellare l'alfabeto e giocarsi la faccia per sedurre un'accolita di potenziali lettori. Sabato pomeriggio in Piazzetta Ottoboni (ore 17.30)  sarà allestito il "ring" letterario sul quale saliranno Marco Amerighi, Rocco Civitarese, Carla Fiorentino con brani scritti appositamente per questo incontro, provocati dalla presenza degli irredimibili Papu. E domenica pomeriggio alle 16 in Piazzetta Cavour ecco pordenoneffettivamentelegge, i divertenti colpi di scena dei Papu in una lettura popolare di alcuni classici della letteratura comica, dove il pubblico non è solo il pubblico...