L'Alfabetiere di pordenonelegge 2019

Sono ormai pochissime le lettere che mancano per completare il progetto promosso per i 20 anni del festival. E così Fondazione Pordenonelegge invita tutto il pubblico a fare una donazione collettiva.

Sarà Parco Cimolai, la vasta area verde a nord di Pordenone, la sede dell’Alfabetiere allestito in città per accogliere il pubblico della 20^ edizione di pordenonelegge, dal 18 al 22 settembre: a conclusione del festival le 26 grandi lettere gialle alte due metri e pesanti tre tonnellate ciascuna saranno spostate in quello che, a tutti gli effetti, diventerà l’originalissimo Parco letterario della città delle lettere e dei lettori. L’iniziativa, promossa con il Comune di Pordenone dalla Fondazione Pordenonelegge, è nata come campagna di fundraising e al tempo stesso come un grande progetto di arredo urbano. “Adotta una lettera” permetterà di accogliere i visitatori in un centro storico completamente “arredato” da una installazione “diffusa”, realizzata su idea e progetto di Patrizio De Mattio dello Studio DM+B & Associati di Pordenone, a cura di Antoniolli. Sono 20 le lettere che hanno trovato il loro pigmalione, ne restano pochissime da “accasare”, fra queste una vocale importante, la e che diventa la lettera simbolo di questa 20^ edizione.

"È una lettera essenziale per comporre parole e romanzi, ma soprattutto per scrivere pordenonelegge e poesia. Quindi chiunque, da mercoledì 18 settembre, potrà adottare la lettera e, oppure le altre lettere rimaste - j, q, x, y, z - partecipando al crowdfundindg del festival attraverso libere donazioni nelle casette infopoint e merchandising. Al raggiungimento della quota stabilita di 3000 € verrà realizzata la lettera che sarà poi posizionata, insieme alle altre, al Parco Cimolai. Se invece la quota non venisse raggiunta, il ricavato sarà donato in beneficenza da Fondazione Pordenonelegge".
Il “dono” delle 26 lettere non si esaurisce con il Parco letterario: da mercoledì 18 settembre sarà infatti disponibile l’”Alfabetiere dei poeti”, il booklet della 26^ edizione della Festa del Libro. Una raccolta di 26 poesie composte da altrettanti autori che hanno “giocato” all’alfabeto e regalato i loro versi per questa raccolta, ricordo tangibile di un’edizione speciale. Dalla “A” della poesia “Assillo” di Luciano Cecchinel, alla “Z” dei versi composti dal direttore artistico di pordenonelegge Gian Mario Villalta. E oltre a loro - in ordine rigorosamente alfabetico, dalla B alla Y - Maddalena Lotter, Laura Pugno, Bernardo De Luca, Paolo Maccari, Eleonora Rimolo, Tommaso Di Dio, Francesco Maria Tipaldi, Maria Borio, Sebastiano Gatto, Franco Buffoni, Gian Maria Annovi, Giulia Rusconi, Alessandro Bellasio, Daniele Mencarelli, Stefano Dal Bianco, Maria Grazia Calandrone, Ivan Crico, Giovanna Rosadini, Naike Agata La Biunda, Tiziano Broggiato, Clery Celeste, Marco Pelliccioli, Azzurra D’Agostino, Francesca Serragnoli. «Abbiamo voluto legare quelle grandi lettere gialle che resisteranno nel tempo a qualcosa di più immediato – spiega Villalta con i curatori Alberto Garlini e Valentina Gasparet – Qualcosa che testimoniasse l’unità di un intento perseguito da anni con tenacia: portare la poesia nella città, legare il nome di Pordenone alla poesia. È stato chiesto ai poeti delle due oramai note collane “Gialle” (come le lettere dell’Alfabetiere), pubblicate da pordenonelegge con l’editore Lietocolle, di inviare una poesia con una lettera dell’alfabeto al suo interno, la P, per esempio, oppure – un po’ più difficile – la J. Il risultato è questa raccolta di 26 poesie, abbinate alle 26 “tessere” del mosaico Alfabetiere”. L’Alfabetiere dei poeti sarà disponibile da mercoledì 18 settembre nel punto merchandising del festival in piazza Cavour.