AUTORI

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Dario Argento
Dario Argento nasce a Roma nel 1940. Fin da piccolo respira "aria di cinema", difatti suo padre, Salvatore è un produttore e suo nonno distributore di film in Brasile; sua madre, Elda Luxardo, è una famosa fotografa al cui obiettivo si prestano i più importanti volti dello spettacolo italiano, da Sophia Loren a Gina Lollobrigida. Dal 1957 inizia a collaborare con alcuni giornali,“L’araldo dello spettacolo” e “Il giornale dello spettacolo” occupandosi, di teatro, di cinema, di musica, fino ad approdare nel 1961 a “Paese sera” e diventarne il critico di punta. Il 1968 è un periodo creativo in cui si sperimenta come sceneggiatore, tanto che Sergio Leone, gli affida, assieme al giovane Bernardo Bertolucci, la stesura del soggetto per il suo nuovo film, C’era una volta il west. Nel 1969 debutta alla regia con L’uccello dalle piume di cristallo incassando all’epoca oltre un miliardo di lire. Seguono altri film diventati veri e propri cult del genere horror e thrilling, come Il gatto a nove code (1971), Quattro mosche di velluto grigio (1971), Profondo rosso (1975), Suspiria (1976). Durante la promozione di quest’ultimo film negli Usa, Argento incontra Gorge Romero decidendo di produrgli il nuovo film, Zombie. Gli anni ottanta sono lo scenario per altri memorabili film, come Phenomena (1985) e Opera (1987), i novanta per gli adattamenti cinematografici de La sindrome di Stendhal (1996) e Il fantasma dell’opera (1998) e il debutto come attrice della figlia Asia in Trauma (1993). Uno degli autori italiani più noti ed apprezzati all'estero, Dario Argento è conosciuto come maestro del brivido, avendo dedicato al cinema thrilling la sua produzione registica, che, infatti, annovera quasi esclusivamente film gialli e horror. Dotato di uno stile personale inconfondibile, fin dall'esordio Argento trasfonde nelle sue opere le sue ossessioni, cinefile e personali, concentrandosi sui meccanismi della suspense e della paura e sulla rappresentazione della morte, secondo un linguaggio molto simile a quello di Alfred Hitchcock e, per certi versi, dei fautori della Nouvelle Vague.