Roveredo: arriva Dario Vergassola

Con Dario Vergassola, il grande comico ligure autore de “La ballata delle acciughe” (Mondadori Electa), si inaugura martedi’ 28 gugno a Roveredo in Piano la prima edizione di “Una sera d’estate, incontrando gli autori”.

Tre serate d’estate, tre serate d’autore in programma ogni martedì, fino al 12 luglio, alle 21 in Largo Indri (e in caso di pioggia nell’Auditorium Comunale di Roveredo): l’occasione per condividere nuovi argomenti, nuove conversazioni e persone decisamente “speciali” da ascoltare e conoscere. Dialoghera' con l'artista lo scrittore Alberto Garlini, curatore di pordenonelegge. L’ingresso e’ libero fino ad esaurimento dei posti, info 0434.1573100 [email protected]
Il cartellone  è varato dall’Amministrazione Comunale con il contributo della Provincia di Pordenone, a cura della Fondazione Pordenonelegge.it.



Dario Vergassola ancora una volta accogliera’ il pubblico con la sua vorticosa giostra di parole e humour. Il suo romanzo “La Ballata delle Acciughe”, continua a riscuotere un grande successo. Merito dell’irresistibile showman, amato dal grande pubblico televisivo come dalle platee di teatro e cabaret. “La ballata delle acciughe” e’ un’incursione insieme dolce ed esilarante nelle atmosfere della provincia italiana: la giostra di personaggi che sfila al bar Pavone, nel quartiere di Rebocco alla periferia di La Spezia, "nulla ha da invidiare al bar di Guerre Stellari" e riflette pregi e difetti dell'umanità. Al bar Pavone il biliardo è presieduto da Lucio e Albè, cassintegrati alle prese con la partita del secolo; accanto a loro aspettano i tre monumentali fratelli Chiappa con la vana speranza di poter giocare; dietro il bancone Gigi il barista, detto Gigipidia, asciuga i bicchieri conversando con le acciughe sott’olio; seduto al primo tavolo c’è Ansia, conosciuto anche come Malattie Imbarazzanti, il più grande ipocondriaco della storia; al flipper Giulianone è impegnato con il consueto, impossibile tentativo di mandarlo in bolla. Al bar Pavone ci si trova nel cuore pulsante di un paese, nel luogo sicuro in cui sono cresciute e invecchiate intere generazioni: il bar di quartiere. Vergassola, conduttore e comico tra i più amati, regala un affresco vivido e carico d’affetto, che dietro l’impresa epica di Gino l’impiegato mostra una personale ricerca di memorie, volti, racconti: le sagge acciughe narrano così la storia del bar, dell'autore e di quanti, in una qualunque provincia italiana, hanno trovato una seconda famiglia fatta di buffi e malinconici personaggi. Dario Vergassola, comico e cantautore, ha partecipato a numerosissimi programmi televisivi (Maurizio Costanzo Show, Carabinieri, Zelig, Dio vede e provvede, Le Iene, Parla con me con Serena Dandini e altri) e piéce teatrali (Manovale, gentiluomo, Mangia e bevi che la vita è un lampo, Riondino accompagna Vergassola a trovare Flaubert e altri).

Il cartellone proseguirà martedì 5 luglio con Vittorino Andreoli e il suo nuovo libro “La gioia di vivere. A piccoli passi verso la salvezza” (Rizzoli). Martedì 12 luglio, infine, appuntamento con la storia: quella di Aldo Togliatti, figlio del leader comunista Palmiro Togliatti, narrata da Massimo Cirri.