Adunata Alpini con pordenonelegge

Ci saranno anche i libri nel Villaggio dell'Adunata degli Alpini. Fondazione Pordenonelegge.it ha infatti accolto l'invito del Comitato Organizzatore e da giovedì 8 a domenica 11 maggio gestirà uno spazio espositivo (insieme al Centro Biblioteche Lovat da sempre partner del festival) all'interno dell'area appositamente creata nel cuore della città. Lo stand proporrà soprattutto libri sugli Alpini, anche editi per l’occasione, ma non mancheranno quelli sul tema della montagna e in generale sulla guerra. Tra questi figurano “Il cuore degli Alpini” di Francesca Ceccato, “La strada per il Don” di Paolo Venti, “La vita e la morte del tenente Antonio Marchi” di Pompeo Pitter e Ana Pordenone e  “Il libro di cucina degli Alpini. Storie, ricette, aneddoti fra la I e II guerra mondiale” di Elisabetta Michielin.



“Abbiamo aderito volentieri alla richiesta del COA – ha sottolineato il Presidente della Fondazione Pordenonelegge.it Giovanni Pavan – perchè vogliamo far conoscere quanto di buono accade nel nostro territorio. Quel che pordenonelegge ha fatto in questi anni è un'eccellenza da valorizzare e condividere con le migliaia di persone che potrebbero decidere di ritornare qui magari proprio a settembre”. Soddisfazione per questa importante partnership con una istituzione riconosciuta a livello nazionale ed internazionale è stata espressa dal presidente del COA Nino Geronazzo. “Pordenonelegge – ha sottolineato il massimo rappresentante del Comitato organizzatore dell'Adunata – è stato oggetto di attento studio da parte di tutti noi. A settembre i diversi componenti del nostro staff hanno trascorso vari giorni in città per conoscere da vicino le dinamiche della più importante manifestazione del territorio. Diverse delle eccellenze organizzative di pordenonelegge sono state prese a esempio per replicarle anche durante l'Adunata. Avere il festival pordenonese presente tra i nostri stand del Villaggio è per noi motivo di grande soddisfazione”.

Per pordenonelegge l'Adunata rappresenta un’opportunità da gestire in concomitanza anche con un altro importante appuntamento; il festival sarà infatti presente anche al Salone Internazionale del Libro di Torino in programma dall’8 al 12 maggio. In quell'occasione la Fondazione ha fatto da tramite con la Regione per un ritorno al Salone dopo due anni di assenza.