La nuova economia a pordenonelegge

Le risposte alla crisi della Green Economy, il valore economico della cultura, le start up, il sistema Nord-Est si interroga su infrastrutture e trasporti. Fra i protagonisti Stefano Bartezzaghi, Marina Salomon, Aldo Bonomi, Riccardo Illy, Patrizia Moroso, Stefano Zamagni, Luca Desiata, Gianni Riotta, Paolo Costa, Andrea De Benedetti, Vandana Shiva, Andrea Segrè, Armando Massarenti, Riccardo Luna, Massimo Cirri, Bruno Arpaia, Riccardo Valentini.



Punta su etica, innovazione e sostenibilità la ‘nuova’ economia su cui dovremo investire in risposta alla grande crisi del nostro tempo: una traccia che pordenonelegge 2013 vuole percorrere e approfondire insieme a protagonisti importanti del pensiero, dell’economia, della saggistica italiana e internazionale saranno chiamati a portare il loro contributo. Per esempio, usare antichi saperi e esperienze ludiche può essere un modo per vedere e risolvere problemi di strategia aziendale: così gli scacchi e l’arte della guerra di Sun Tzu, spiegati da Bruno Ballardini e Luca Desiata, potranno fornire concreti suggerimenti ai manager ma anche alle persone che cercano risposte alle difficoltà della vita (mercoledì 18 settembre). Scorrendo gli incontri di questo percorso, spicca la presenza dell’imprenditrice Marina Salamon (giovedì 19), chiamata a raccontare sogni concreti, sogni da realizzare, sogni che possono portare la vita verso traguardi inaspettati. E di Gianni Riotta (domenica 22), autore di una acutissima ricognizione sul mondo digitale, in dialogo con Giovanni Marzini nell’incontro realizzato in sinergia col Premio Luchetta. Ancora, di ‘Impresa a Nordest’ dialogheranno Dario Di Vico, Patrizia Moroso Riccardo Illy (sabato 21), sulle cause e le risposte alla grande crisi indagheranno al festival Aldo Bonomi e Giuseppe Ragogna (domenica 22); mentre Paolo Costa e Andrea De Benedetti, con Paolo Possamai (giovedì 19), si interrogheranno sulle infrastrutture e sul sistema dei trasporti a Nordest, una questione che riguarda l’Italia intera.  Sul versante ‘sostenibilità’ ci sarà Vandana Shiva (domenica 22 settembre), per un confronto col pubblico del festival sul tema dei semi moderni, geneticamente modificati, prodotti e venduti dalle multinazionali; e l’agroeconomista Andrea Segrè (sabato 21 settembre) sarà impegnato con il Nobel Riccardo Valentini in un dialogo sui temi dell’acqua – ‘l’oro blu’, sempre più prezioso sul pianeta – oltre che per presentare, in prima nazionale, il Libro Verde dello spreco: l’Energia (Edizioni Ambiente) con giornalista Antonio Cianciullo.

Pietro Alessandrini e Mario Pepe accompagneranno il pubblico in un vero e proprio viaggio nell’economia (mercoledì 18), mentre Riccardo Luna e Riccardo Donadon dialogheranno intorno alla rivoluzione degli innovatori, gli startupper che il lavoro non lo cercano perché provano a crearselo inseguendo un'idea innovativa (giovedì 19). Sulla stessa lunghezza d’onda, Stefano Bartezzaghi (domenica 22) ci porterà sulle soglie del pensiero creativo nell’epoca dei cellulari. E Massimo Cirri proverà a spiegare come è possibile affrontare anni di crisi anche attraverso la scrittura e il racconto, con Corrado Mandreoli e Paola Fontana (domenica 22). Stefano Zamagni, in dialogo con Stefano Polzot introdurrà il concetto di responsabilità "civile" dell’azienda (sabato 21), e il valore economico della Cultura sarà evidenziato nei dialoghi fra Armando Massarenti, Gian Arturo Ferrari e Alessandro Marzo Magno (mercoledì 18) e in un ulteriore incontro con Bruno Arpaia e Guido Guerzoni (sabato 21). Dei costi umani della crisi parleranno Adriano Zamperini e Stefano Bortolus (giovedì 19), mentre Andrea Baranes, presidente della Fondazione Culturale Responsabilità Etica della rete di Banca Etica, riprenderà le istanze e le concrete proposte degli ‘indignados’ (giovedì 19). Info: www.pordenonelegge.it .