AUTORI

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Roberto Ferrucci
Roberto Ferrucci è nato a Venezia (Marghera) nel 1960. Nel 1993 ha pubblicato il romanzo Terra rossa (Transeuropa), rieditato nel 1998 dall’editore Fernandel. Nel settembre del ‘99 da Marsilio è uscito il libro Giocando a pallone sull’acqua (Premio Speciale Coni Letteratura 2000; Premio Selezione Bancarella 2000). Nel 2003 l’editore veneziano Amos pubblica Andate e ritorni, scorribande a nordest, racconti di viaggio in Vespa attraverso il nordest, finalista al Premio Settembrini 2004. Nel 2006 pubblica il racconto Solitudine nella raccolta di racconti curata da Romolo Bugaro e Marco Franzoso, I nuovi sentimenti (Marsilio). Il 4 luglio 2007 uscirà il suo nuovo romanzo, Cosa cambia, frutto di sei anni di lavoro, pubblicato da Marsilio. Sempre per Marsilio ha curato il libro Pane e tulipani, sul film omonimo di Silvio Soldini. Di quel film ha contribuito a scegliere i luoghi di Venezia in cui è stato girato Ha tradotto tre romanzi di Jean-Philippe Toussaint: La televisione(Einaudi, 2001), Fare l’amore (Nottetempo edizioni, 2003), Mes bureaux, luoghi dove scrivo (Amos Edizioni, 2005). Per Radio3 ha scritto insieme a Romolo Bugaro Verdesche, radiodramma diretto da Alessandro di Robilant e interpretato da Cochi Ponzoni. Dal 2002 insegna Scrittura Creativa alla Facoltà di Lettere dell’Università di Padova. Ha recentemente pubblicato Sentimenti sovversivi (ISBN 2011)
Dal 1992 al 1998 ha lavorato come autore e regista per Tele Capodistria, dove ha ideato e diretto le trasmissioni Achtung Baby! (settimanale di cultura giovanile andato in onda per 153 settimane consecutive) e Il piacere degli occhi, affiancato nella redazione e nella conduzione da Ondina Matjasic. Ha diretto videoclip di Franco Battitato, Pitura Freska, Garbo e ha girato due videoritratti su Enrico Ghezzi e Sabina Ciuffini.
Fa parte del comitato scientifico del Trieste Film Festival. Ha scritto per anni di sport e letteratura su Il Manifesto, L’Unità e Liberazione. Ha collaborato a Tuttosport (scrivendo di letteratura e di cinema), oltre che alle riviste
letterarie Leggere, Nuovi Argomenti e Linea d’ombra. Dal 1989 al 1999 e dal 2001 a oggi ha scritto sulla Nuova Venezia, Tribuna di Treviso e Mattino di Padova, autore di corsivi, reportages, articoli di cultura. Sulla Nuova, da
quattro anni tiene una rubrica sul Venezia Calcio intitolata Da parte mia. Sul Gazzettino, dal 1999 al 2001, è stato commentatore e si è occupato di cultura, spettacoli e sport. Da qualche anno è alle prese con uno strano romanzo ma prima ne pubblicherà un altro ben più urgente, terminato da poco.
Qualcuno, di recente gli ha fatto notare che riesce a narrare anche attraverso la fotografia. Lui, imbarazzato, replica che gli capita, grazie alla semplicità del digitale, di prendere degli appunti visivi. Che poi, a volte, incidentalmente, diventano a loro volta racconto. Nulla a che fare con la fotografia, però, ammette. Appunti che trovate qui