AUTORI

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
George Steiner
Nasce a Parigi da genitori viennesi il 23 aprile 1929. In seguito alle leggi razziali emigrò negli Stati Uniti nel 1940 dove prese la cittadinanza americana. Figura di primo piano per la critica letteraria internazionale, ha al suo attivo una numerosissima serie di saggi e studi di grande valore, che spaziano dalla linguistica all’etica, dalla teoria della traduzione alla letteratura, dalle arti figurative alla scienza. Molti di essi hanno suscitato ampi dibattiti e sono diventati libri culto per intere generazioni, da Morte della Tragedia a Vere presenze. Ma la sua origine ebraica e la sua storia personale lo hanno portato a essere un soggetto “extraterritorial”, come suona il titolo di una sua raccolta di saggi del 1971. George Steiner ha affrontato nei suoi studi il problema del ruolo dell’intellettuale, dell’artista e del critico nella società occidentale, scossa da vicende disumane come l’Olocausto.
E’ Fellow del Churchill College a Cambridge ed è stato docente in numerose università americane ed europee, tra cui Princeton, Stanford, Chicago, Oxford e Ginevra. Tra i suoi libri, ricordiamo, inoltre: Tolstoj e Dostevskij, Dopo Babele, Nessuna passione spenta, l’autobiografia Errata, Grammatiche della creazione, La lezione dei maestri e l’ultimo I libri che non ho scritto, tutti pubblicati da Garzanti.