AUTORI

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Josè Muñoz
Nasce a Buenos Aires (Argentina) il 10 luglio 1941. Dall'età de 12 anni si inizia alla storia dell'arte e a diverse discipline artistiche con il scultore Humberto Cerantonio, con cui pratica il teatro di marionette nei sobborghi di Buenos Aires. Vive di piccoli lavori e segue parallelamente e all'insaputa del suo primo maestro i corsi di d'Alberto Breccia alla Escuela panamericana de arte, dove insegnava poco prima Hugo Pratt.
Esordisce nel fumetto come assistente di Francisco Solano Lopez, mettendosi in luce nel 1963 con la serie poliziesca Precinto 56 su testi di Ray Collins (alias Eugenio Zappietro), pubblicata sul settimanale Misterix (poi in Italia su Sgt. Kirk). Disegna poi numerose storie senza personaggi fissi. Idealmente debitore di Hugo Pratt e Alberto Breccia, dotato di un segno grafico dal taglio duro ma di grande fascino, l'autore gira il mondo collaborando con varie case editrici latinoamericane, inglesi e italiane.
All'inizio degli anni Settanta riprende la sua antica serie Precinto 56 e si trasferisce in Spagna, dove incontra un altro argentino, lo sceneggiatore Carlos Sampayo, con il quale darà in seguito vita alle avventure di Alack Sinner, un ex poliziotto e ora investigatore privato amaro e disincantato, un personaggio che affonda le sue radici nella narrativa poliziesca d'autore (modelli ideali sono Sam Spade e Philip Marlowe).
Seguono altre serie, come Nel bar e Sudor Sudaca, che vengono pubblicate in diversi paesi e su diverse importanti testate (A Suivre, Linus, Frigidaireeccetera).
L'autore divide la sua attività prevalentemente tra Italia, Spagna e Argentina.
Negli ultimi anni, Muñoz collabora anche con il romanziere Jérome Charyn, dando vita a nuove storie: Il morso del serpente e Panna Maria, entrambe pubblicate in Italia da Hazard edizioni. Inoltre, alcune personali gli vengono dedicate in Italia e all'estero, nelle quali compaiono anche, per la prima volta, gli esiti della sua recente ricerca sul colore: tempere, acquarelli,pastelli. Attualmente, José Muñoz vive e lavora dividendosi tra Milano, Parigi e Buenos Aires.