Buttafuoco domenica 19 a LibrINsieme

L’ultimo appuntamento della “quattro giorni” di #pordenonelegge per Idea Natale è in programma per le 17.30 al Padiglione 6 del quartiere fieristico di Udine e Gorizia Fiere.

Il tema della legittima difesa divide il mondo, dagli Stati Uniti – dove la recrudescenza di stragi causate da cittadini armati fino ai denti ha rilanciato drammaticamente la questione - all’Italia, dove ci sono leader che propongono l’autodifesa dei privati come soluzione contro la criminalità. Due scrittori, Pietrangelo Buttafuoco e Carmelo Abate, con un nuovo libro hanno preso posizione decisa, spiegando che armare i cittadini per una forma di autodifesa non puo’ essere un’opzione accettabile.

Proprio questo tema sarà al centro dell’incontro conclusivo della 3^ edizione di LibrINsieme nella giornata di domenica 19 novembre, nell’ambito di Idea Natale 2017 in Fiera a Udine: domani alle 17.30 nel Padiglione 6 riflettori sul giornalista, scrittore e saggista siciliano Pietrangelo Buttafuoco, a Udine per presentare “Armatevi e morite. Perché la difesa facile è un brutto imbroglio” (Sperling & Kupfer). Sostiene Buttafuoco che il cittadino armato di fucile, posto a sentinella della propria abitazione già protetta da vetri blindati, finestre sbarrate, cavi, catene e lucchetti, è un’illusione pericolosa, un percorso irrazionale che potrebbe alimentare nuove stragi, anziché la salvezza dei privati. “La sicurezza è come la Sanità – spiega l’autore - quella fornita dallo Stato funziona male ma di certo i cittadini non si organizzano un ospedale in casa e chiedono invece che lo Stato faccia bene la sua parte. Ecco, per la sicurezza l’atteggiamento deve essere lo stesso”. A sostegno delle loro tesi gli autori citano le statistiche su armi da fuoco e crimini in particolare negli Usa, dove è storicamente prevalente il ‘partito’ di chi sostiene la libertà, anzi il diritto, dei cittadini di armarsi: negli States, affermano fra l’altro Buttafuoco e Abbate, ci sono 88,8 armi da fuoco ogni 100 persone, eppure gli Usa sono primatisti negli omicidi con, ad esempio, circa 12mila morti solo nel 2008. In più bisogna ricordare gli incidenti domestici, il cui numero è altissimo, causati dall’imperizia nell’uso delle armi . La situazione è all’opposto in Giappone dove a fronte di 0,6 armi da fuoco ogni 100 abitanti le persone uccise nel 2008 furono 11. Pietrangelo Buttafuoco ha scritto per il ‘Secolo d’Italia’, per ‘Il Giornale’, per ‘Panorama’, per ‘Repubblica’. Dal 2015 scrive su ‘Il Fatto Quotidiano’, e ha una rubrica su ‘Il Foglio’; ha pubblicato romanzi e saggi, tra i suoi ultimi lavori ‘Buttanissima Sicilia‘ (Bompiani 2014) e ‘I baci sono definitivi’ (La nave di Teseo 2017). LibrINsieme 2017 è Promosso dalla Fondazione Pordenonelegge.it con Udine e Gorizia Fiere, ed è curato da Gian Mario Villalta, Alberto Garlini e Valentina Gasparet.