Lettera di intenti tra Fondazioni

Si era rafforzato lo scorso maggio il legame già molto consolidato fra Pordenone e Torino, fra la Festa del Libro con gli Autori e il Salone Internazionale del Libro: pordenonelegge 2014, infatti, aveva firmato, nel programma di appuntamenti della cinque giorni torinese, la lectio magistralis di Stefano Bartezzaghi su “La parola Bene”, motivo conduttore dell’edizione 2014 del Salone. Ma i contatti e le collaborazioni reciproche fra le due manifestazioni hanno radici profonde: come ricorda il Presidente della Fondazione Pordenonelegge Giovanni Pavan, «oltre ad aver più volte ospitato i promotori del Salone al nostro festival di settembre, ci siamo molto confrontati anche per la nascita della Fondazione pordenonese.



E alle ultime edizioni del Salone del Libro, con l’aiuto della Regione Fvg abbiamo sempre cercato di favorire il lavoro di squadra promuovendo un unico stand insieme a Mittelfest, èStoria, Vicino/Lontano e Premio Luchetta».Nel rush conclusivo del 2014 arriva la notizia dell’accordo formale che la Fondazione Pordenonelegge ha sottoscritto con l’omologa Fondazione del Libro, la musica e la cultura di Torino, ente promotore del Salone del Libro. Una lettera di intenti che, nel gran finale 2014, evidenzia il grande lavoro svolto nel corso del primo anno della Fondazione Pordenonelegge: dodici mesi di attività intensa e ripagata da risultati lusinghieri, con il pieno successo della XV edizione di Pordenonelegge, gli ottimi riscontri del Premio Hemingway, la grande aspettativa per Pordenonescrive 2015 dedicato al romanzo di genere e molte altre iniziative nate in questi mesi per alimentare un dialogo stimolante con i lettori, gli operatori, il pubblico regionale e nazionale. L’accordo, sottoscritto dai presidenti delle due Fondazioni, Giovanni Pavan e Rolando Picchioni, prevede reciproca visibilità in occasione delle future edizioni di pordenonelegge e del Salone internazionale del Libro, attraverso appuntamenti dedicati che saranno inseriti nella programmazione. Anche il Presidente della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura di Torino, Rolando Picchioni, saluta «con viva soddisfazione l’accordo con la Fondazione Pordenonelegge nell’auspicio che l’impegno per la diffusione del libro si arricchisca di comuni esperienze di dialogo e di lavoro». L’impegno è anche per favorire presso enti, istituzioni e  festival del proprio territorio la conoscenza, lo scambio e la frequentazione reciproca, per agevolare scambi di esperienze e informazioni utili a favorire il dialogo con altre realtà simili a livello nazionale, per agevolare la partecipazione reciproca agli eventi singolarmente proposti, concordandone i contenuti e le forme. Infine pordenonelegge e il Salone del Libro prevedono di aggiornarsi su ulteriori possibili progetti sinergici a livello nazionale, europeo e internazionale, sempre con l’obiettivo della promozione del libro e della cultura.

 

Info stampa: [email protected] - cell 3922067895 - 3356023988