pordenonelegge il territorio

Quattro viaggi d’autore sul territorio: per conoscerlo nella sua storia, ricchezza e ‘intimità’ attraverso la voce, l’esperienza e la visione di operatori, studiosi e ‘tecnici’ che lo vivono ogni giorno, ne conoscono aspetti dettagli e incroci, possono schiuderlo ai visitatori al di là di sguardi spesso troppo frettolosi. Pordenonelegge il territorio è il nuovo progetto messo a punto dalla Fondazione Pordenonelegge.it, che propone quattro intere giornate in cui muoversi lungo strade, paesi e luoghi che rendono unici il territorio friulano.

Letture, incontri, visite e momenti ludici favoriranno un’esperienza davvero speciale: attraversando luoghi magari conosciuti, eppure mai vissuti con gli occhi e la voce di scrittori, poeti, giornalisti che fanno dello scrivere il loro mestiere. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con: FriulOvest Banca, Turismo FVG, Pordenone with love, UTE Pordenone e STI. Si parte sabato 15 novembre per una giornata alla scoperta di luoghi in cui si incrociano scrittura, cultura, storia e sapori, nel segno del Friuli di Pier Paolo Pasolini ma anche del Friuli ‘da bere’, quello dei vigneti della Grave. Prima tappa (con partenza in pullman alle 9.00 dal parcheggio dell’Ospedale di Pordenone in via Montereale) sarà naturalmente la città di Casarsa, per visitare la casa e la tomba di PPP, oltre al Centro Pier Paolo Pasolini accompagnati da una guida preziosa, il responsabile della Biblioteca civica del Comune di Casarsa Marco Salvadori. Nel pomeriggio, dopo un ristoro che non mancherà di valorizzare il patrimonio agroalimentare e le tipicità del territorio, si punterà verso Rauscedo per scoprire le “radici” del vino della Grave, e addentrarsi in realtà vinicole del territorio accompagnati dall’agronomo Enos Costantini, docente e autore di molti saggi dedicati alla cultura enologica. Il territorio della Grave, con i suoi paesaggi suggestivi - caratterizzati da castelli, ville venete e borghi medioevali - si schiuderà ai visitatori a partire dalla filiera del vino. Partono proprio da qui, infatti, le barbatelle (piante del vino) presenti in tutto il mondo: gli oltre 250 coltivatori vivaisti concentrati nella zona di Rauscedo producono più della metà del prodotto nazionale. E la produzione di vini pone la DOC Friuli Grave al primo posto tra quelle regionali con il 55% del totale e circa 300.000 ettolitri di vino prodotti a cavallo del Fiume Tagliamento tra le province di Pordenone e Udine. Sono previste anche piccole degustazioni nelle cantine che saranno meta della visita. Il rientro a Pordenone è programmato per le ore 18. Gli ulteriori viaggi di Pordenonelegge il territorio sono previsti nel corso del 2015 e faranno tappa il 7 febbraio nella Pedemontana pordenonese, il 18 aprile nei luoghi di Ippolito Nievo, il 9 maggio in Valcellina.

Per informazioni e iscrizioni: entro il lunedì precedente l’escursione va prenotata presso Fondazione Pordenonelegge.it (Via Castello 4/a - Pordenone) Tel. 0434.381605 [email protected] Il programma delle singole visite è consultabile sul sito www.pordenonelegge.it. I partecipanti riceveranno un simpatico omaggio dall’organizzazione. Quota di partecipazione per ogni visita: 50,00 euro a persona comprensivo di pullman e pranzo. Tutti i percorsi saranno visualizzabili anche all’interno dell’applicazione Cityteller, la mappa letteraria che geo-localizza i luoghi dei libri, scaricabile gratuitamente dall’Apple Store e dal Google Play. Per maggiori informazioni www.cityteller.it [email protected].

Info stampa: [email protected] - cell 3922067895 - 3356023988


ALLEGATI

Pasolini e le terre friulane 15 novembre 2014 »