Fondazione pordenonelegge.it

La Giunta camerale ha approvato questa sera, con voto unanime, l’istituzione della Fondazione Pordenonelegge.it  che si occuperà della promozione della cultura «quale fattore di sviluppo sociale ed economico con azioni specifiche attente anche a valorizzare il territorio della provincia di Pordenone e, in modo più ampio, quello regionale». La proposta rivolta dal Presidente, Giovanni Pavan, ha trovato pieno appoggio nelle scorse settimane tra le categorie produttive che attraverso i propri presidenti hanno dato il loro via libera, in serata, formalmente, a un fatto di estrema importanza sia sotto il profilo simbolico sia della sostanza. Tra gli obiettivi principali della Fondazione, che vedrà la luce nel peggior periodo di crisi economica dal Dopoguerra, il miglioramento della governance e della gestione finanziaria nel suo complesso, macro voci che sottintendono, come ampiamente dettagliato nella relazione di pre-voto, alla creazione di una struttura più snella e flessibile, e per questo a differente tasso di attrattività, verso eventuali partners privati esterni, rimanendo in ogni caso una Fondazione senza scopo di lucro.

«Il pragmatismo della Giunta e la coesione sociale palesatasi rapidamente e con unicità di vedute – ha spiegato Pavan – ha determinato una presa d’atto decisiva per la sopravvivenza di una manifestazione che nel 2013, dati alla mano, non avrebbe potuto probabilmente traguardare la quattordicesima edizione. Un danno enorme per tutti: economia ed immagine locali e regionali ed anche un impoverimento della proposta culturale letteraria italiana». La Fondazione, che non potrà distribuire utili, avrà carattere nazionale e si occuperà in via esclusiva di «promozione della cultura attraverso conferenze, mostre, esposizioni, manifestazioni sul libro, sull’editoria, sulla comunicazione, sui beni e sulle attività culturali, attività di formazione, ricerca e studio, anche quale veicolo per la valorizzazione del territorio». Sarà costituita, primariamente, da organismi: il Comitato di coordinamento strategico, il Consiglio di Amministrazione e il Comitato Artistico Organizzativo. Completano la governance, il direttore amministrativo e il Comitato Artistico. «La Giunta – ha informato ancora Pavan – ha approvato l’agenda su cui sono iscritti gli appuntamenti che nel prossimo futuro consentiranno alla costituenda Fondazione di assumere sostanza giuridica ed operatività. Questo vuol dire, dopo il passaggio dinanzi al notaio, una serie di allineamenti o riallineamenti con ConCentro, l’azienda speciale cui, attualmente, è demandata la gestione e l’organizzazione di pordenonelegge.it. Così facendo siamo certi di poter dare continuità a pordenonelegge.it garantendole, nel 2013, di potersi strutturare ». Il presidente della Camera di Commercio, ringraziando la Giunta nelle sue singole componenti, ha spiegato che «quello di stasera è un importante momento costitutivo che non ha però alcun carattere di esclusività, anzi: le porte della Fondazione – ha precisato – sono aperte al territorio, che potrà condividerne il percorso sin dal principio. L’obiettivo è garantire a pordenonelegge.it e all’offerta culturale pordenonese nel suo complesso, pur in un periodo di così grave contrazione economica, un futuro certo e, se possibile, ancor più strutturato e qualificato di quant’è avvenuto sino ad oggi».