Spazio Incontri
Dura solo un attimo, la gloria
Domenica
21 Settembre 2014
ore 12:00

Incontro con Dino Zoff. Presenta Francesco Piccolo

Questa non è una biografia tradizionale, ma una piccola storia d’Italia narrata dal punto di vista unico di un monumento allo sport, Dino Zoff, un “italiano asburgico”, taciturno e profondo, che ha attraversato mezzo secolo, incarnandone la voglia di farcela (anni ‘70 e ‘80), poi ponendosi come punto di riferimento mentre tutto vacillava (‘90 e 2000), e, infine, osservando da lontano il crepuscolo di un’epoca che sembrava d’oro. Nelle sue parole, solitamente poche e scabre, si alternano personaggi di primo piano e fugaci comparse, eroi invincibili e uomini pavidi, protagonisti, più o meno consapevoli, della grande trasformazione sociale italiana. Sull’eterno sfondo verde di campi di calcio più o meno gremiti, vediamo così agitarsi i personaggi più vari. C’è Gianni Agnelli, cui è costretto a mentire quando all’alba, prima che lui si fosse alzato, lo chiamava al telefono: “‘Che tempo fa, lì da voi, Zoff?’, ‘Sereno variabile, Avvocato’. Mica potevo dirgli che non avevo ancora aperto le finestre”. C’è Luca Cordero di Montezemolo, la sua impreparazione e la sua smania di novità, che lo licenzia dalla “sua” Juventus. C’è Silvio Berlusconi e le sue accuse d’indegnità dopo gli Europei del 2000, alle quali Zoff reagì dando le dimissioni. Ma, soprattutto, c’è il costante pensiero, carico di tenerezza e nostalgia, ma anche di ammirazione, per gli uomini silenziosi che hanno caratterizzato la sua storia, i custodi di quella dote preziosa che caratterizza tutte le persone migliori: “il pudore delle parole”. Dal padre, contadino di Mariano del Friuli, grande sacerdote di quell’antica religione della responsabilità tipica di certe zone così lontane dall’Italia, a Bearzot, il condottiero timido e testardo, e straordinariamente colto, passando per Scirea, l’amico amato e anche un po’ invidiato, e il presidente Pertini, quello della partita a scopone in aereo di ritorno dalla Spagna, in quella fantastica notte del’82.

LUOGO
Spazio Incontri
Piazza della Motta
33170 Pordenone
 

Calcola percorso da