Palazzo Montereale Mantica
Gli eroi di Montecassino. Storia dei polacchi che liberarono l'Italia
Domenica
21 Settembre 2014
ore 10:30

Incontro con Luciano Garibaldi. Interviene Ladislao Kowalski. Presenta Lorenzo Cardin

Quando, il 1° settembre 1939, la Polonia fu invasa da Hitler e in seguito smembrata tra tedeschi e russi, molti giovani polacchi furono deportati in Unione Sovietica. Ma lo scenario del conflitto cambiò nell'estate 1941 quando, con l'Operazione Barbarossa, Hitler attaccò la Russia. Su pressione degli Alleati, e in particolare dei britannici, i prigionieri polacchi vennero liberati e andarono a costituire il 2° corpo d'armata, guidato dal generale Wladyslaw Anders e destinato ad avere un ruolo fondamentale nella liberazione dell'Italia dai nazisti. Combatterono infatti nella celebre battaglia di Montecassino (dove a testimonianza del loro sforzo esiste un cimitero militare polacco) e in quella di Ancona, e furono i primi a entrare nella città di Bologna. Alla fine del 1945, per oltre sei mesi, anche Pordenone fu occupata, quale presenza alleata, dal reggimento Polacco che sostituì quelli inglesi e americani che avevano preso possesso della città dall’aprile a dicembre del ’45. E proprio a Palazzo Montereale Mantica fu collocato il Circolo ufficiali del reggimento. La vicenda di questi giovani polacchi, di grande importanza per l'andamento della guerra e per il destino del nostro Paese, è ricostruita da Luciano Garibaldi con attenzione e precisione, svelando, per la prima volta, un tassello poco conosciuto ma decisivo della storia d'Italia e dell'Europa intera.

In collaborazione con Ascom-Confcommercio Imprese per l’Italia di Pordenone

LUOGO
Palazzo Montereale Mantica
Corso Vittorio Emanuele II 56
33170 Pordenone
 

Calcola percorso da